Guida alle Mani di Texas Hold’em: KT

Texas Hold'em: come affrontare la mano KT

Mani di Texas Hold’em e strategie: l’analisi di questa settimana prende in considerazione KT, una mano che spesso è sopravvalutata da molti giocatori.

Alcune mani di Texas Hold’em vengono sin dall’inizio sopravvalutate da parecchi giocatori il che produce una serie di conseguenze negative: prima di tutto il profitto sul lungo termine della singola mano descresce fino a diventare un perdita, causata dal modo errato con cui si sta giocando tale mano; in secondo luogo questo porta a una percezione errata del valore delle altre mani influendo a sua volta sui risultati.

La mano KT

Il classico esempio di quanto appena detto è KT, una mano alla quale, similmente a quanto accade con la mano KJ, viene attribuito un valore che spesso è eccessivo. KT infatti è una mano di Texas Hold’em non così forte come si pensi, il cui valore intrinseco non è rappresentato sicuramente dalla possibilità di legare una monster hand bensì dal semplice fatto di avere in mano due carte alte, pronte a cavarsela egregiamente contro ogni tipo di pocket pair.

Gli svantaggi di KT

Questa analisi della mano di Texas Hold’em KT inizia direttamente da quali sono gli svantaggi di tale mano, dal momento che la lista degli esempi di questa categoria è di gran lunga più ampia di quella degli esempi positivi. In primo luogo quando stiamo giocando KT vi è la seria possibilità di essere dominati e dunque di perdere un piatto di dimensioni medio grandi per il fatto che il nostro T kicker non è in grado di reggere il confronto con mani come AK, QK e lo stesso JK.

Spesso infatti quando leghiamo il K abbiamo in mano top pair, e questo ci porta ad overgiocare la mano. Chiamare un rilancio con KT è dunque un’azione da valutare attentamente proprio per il rischio di essere dominati. Se aggiungiamo poi il fatto che la capacità di KT di creare una mano di valore e possibilmente vincente è molto bassa, essendo troppo alto il gap tra il K e il T, ci rendiamo conto come questa mano vada giocata con le dovute precauzioni e le giuste strategie da ogni giocatore di Texas Hold’em.

I vantaggi di KT

Certo quando si tratta di giocare in modo aggressivo KT può dire la sua, come ogni altra mano composta da carte alte, perché la sua capacità di legare almeno una carta del flop è alta. Questo rende KT una mano di Texas Hold’em ideale quando si tratta di rubare dei bui, fare all-in in situazione di shove or fold, o semplicemente di essere aggressivo di fronte a un avversario tight passive, con l’intenzione di sparare una continuation bet subito dopo il flop. Negli altri frangenti KT non è una mano di grande valore nel Texas Hold’em, tenerlo bene a mente significa risparmiare parecchio sul lungo termine.

Primo articolo della serie - Mani di Texas Hold’em: una guida alla mano QQ
Secondo articolo della serie - Mani di Texas Hold’em: come gestire la mano TJ
Terzo articolo della serie - Mani di Texas Hold’em: le variabili
Quarto articolo della serie - Guida alle Mani di Texas Hold’em: KT
Quinto articolo della serie - Mani di Texas Hold’em: la guida alla mano JJ