Le “ Maratone” di Poker Texas Hold’em

Quando passiamo troppe ore consecutive al tavolo verde

Più o meno a tutti noi è capitato di fare una maratona di poker Texas Hold’em, ovvero una giornata e/o una nottata, passata a giocare partite su partite (siano queste dei Sit and Go, degli Heads Up oppure di Cash Game), che ci hanno fatto arrivare al punto di ritrovarci stremati e senza forze (e per la maggior parte delle volte con il nostro bankroll sensibilmente colpito!).

Ricordo ancora, quella volta in cui io stabilii il mio record personale, arrivando a giocare ben 36 ore di fila a poker Texas Hold’em, e lo feci senza mai dormire.

Si tratta esattamente, di quando giocai un Sit and Go di poker Texas Hold’em sui tavoli di Paradise Poker: in quell’occasione conclusi la maratona di poker live distrutto, e per di più con il bankroll alleggerito di ben 800 $.

Fortunatamente imparai bene la lezione a quel Sit and Go di poker Texas Hold’em, ed oggi quando gioco, le mie sessioni durano al massimo 4 ore l’una o meno. In altre parole, oggi quando gioco, smetto di farlo quando mi sento stanco ed affaticato, poiché il mio cervello non riesce più ad essere lucido come all’inizio.

Un paragone calcistico

Proviamo a paragonare un giocatore di poker Texas Hold’em ad un calciatore, ed una sessione di Poker ad un incontro calcistico di 90 minuti. Proprio come il calciatore, anche il giocatore di poker Texas Hold’em, all’inizio della partita, è in grado di esprimere al meglio il proprio gioco perché fresco e riposato, e commette di certo meno errori.

Durante il proseguimento della partita di calcio (o sessione di poker Texas Hold’em) però, le energie iniziano a scarseggiare, la fatica prende il sopravvento ed annebbia la mente, impedendo il logico e razionale schema di pensiero in grado di massimizzare il valore atteso.

E’ proprio durante questa fase di un eventuale Sit and Go di poker Texas Hold’em (o partita di calcio), che vengono commessi i maggiori errori, che sono dettati dalla stanchezza.

Attenzione, perché nella maggior parte dei casi, sono proprio questi errori a determinare il risultato finale sia di una partita o Sit and Go di poker Texas Hold’em, che di un’incontro di calcio.

Noi dovremmo essere quelli in grado di approfittare di questi errori degli altri avversari, piuttosto che i malcapitati responsabili di un risultato negativo.

Qualche consiglio

Per evitare di giocare sessioni di poker Texas Hold’em troppo lunghe, il mio consiglio è quello di fissare delle pause di non meno di un ora, ad intervalli di tempo regolari, e non maggiori alle 3 ore di gioco. Così facendo, si eviterà di giocare appesantiti dalla stanchezza, con gli occhi brucianti e con il cervello bollito.

Durante il Sit and Go o la sessione di poker Texas Hold’em, sarebbe bene bere tanta acqua in modo da mantenere il nostro corpo sempre idratato, ed anche mangiare molta frutta (evitando invece cibi pesanti e grassi, in grado di appesantirci e di ostacolare il nostro cervello).

Ricordate sempre, che un giocatore di poker Texas Hold’em è come uno sportivo, ed ha quindi bisogno di essere in forma, e di sentirsi pronto alla competizione, per dare il meglio di sé sul campo come sul tavolo verde.





Commenti recenti

Hai proprio ragione, l'altra 23 Settembre 2010 - 11:23 Commentato da Gallaredblue

Hai proprio ragione, l'altra sera ho giocato un Multi Tavolo e già all'inizio ero stanco e sentivo che le mie capacità non erano al 100% e quindi poco dopo ero stanchissimo e addirittura spossato, giocavo in automatico senza ragionare troppo sui colpi! Ovviamente il torneo è andato male ma se ripenso a quella sera credo che il colpo di grazia me lo sia dato da solo chiamando con una mano pressochè marginale come se avessi fatto apposta per uscire!
Ora gioco tornei diciamo importanti x i miei livelli solo quando stò bene con me stesso e mi sento carico e dopo aver letto il tuo articolo sicuramente starò attento anche all'alimentazione!
Grazie mille x i consigli!!!