Italiani alle WSOP 2013: ad ora un ottimo bilancio

Italiani alle WSOP 2013 un ottimo bilancio

Tanti piazzamenti fino ad ora per gli italiani alle WSOP 2013. Su tutti spicca il ritorno di Dario Minieri che dopo un periodo in sordina, almeno nel poker live, è ritornato davvero alla grande. Tanti altri piazzamenti e grandi soddisfazioni per la nostra bandiera in quel di Las Vegas.

Sono passati poco più di dieci giorni dall’inizio delle World Series of Poker e già possiamo fare un primo bilancio per i giocatori azzurri. E infatti, nonostante nessuno di loro abbia vinto un braccialetto, i piazzamenti ottenuti sono stati davvero ottimi. Del resto, come vi abbiamo raccontato in alcuni degli articoli precedenti, l’Italia, almeno fino a questo momento, è la quinta potenza presente alle World Series of Poker, dietro a Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna e Germania.

Un movimento pokeristico cresciuto

Una testimonianza diretta di quanto il movimento pokeristico sia cresciuto negli ultimi tempi in Italia. E infatti, nonostante i giocatori conosciuti non siano poi così tanti, quello che possiamo dire è che, alla luce dei risultati riportati alle WSOP 2013 e nel corso dell’edizione del 2012, esiste ormai uno zoccolo duro composto da pochi player che, tuttavia, all’estero si stanno facendo rispettare, anche nel corso di queste World Series of Poker, dove la presenza degli americani e dei canadesi è sicuramente schiacciante.

Dario Minieri torna alla grande

Una buona notizia di queste WSOP 2013 è anche il ritorno di Dario Minieri lontano dal poker che conta ormai da tempo. E infatti negli ultimi tempi il fortissimo caterpillar del poker azzurro non ha ottenuto grossi risultati (almeno se parliamo del poker live) ed è una gioia rivederlo tra i 15 player left di un evento delle World Series of Poker, dove l’assegnazione di un braccialetto è ancora aperta. E allora un bentornato a Dario Minieri che dopo un periodo di anonimato sta ricominciando a fare quello che gli riesce meglio: dare spettacolo in quel di Las Vegas!

Tanti piazzamenti alle World Series of Poker

Ma se da un lato queste WSOP del 2013 hanno segnato il ritorno del grande Dario Minieri, di piazzamenti azzurri ce ne sono stati davvero tanti. E non parliamo dei soliti Dario Alioto, Max Pescatori, Niccolò Caramatti, Alessandro Longobardi, Gabriele Lepore che ci hanno abituato a degli ottimi risultati da moltissimo tempo. E infatti oltre ai player più blasonati ce ne sono altri forse un po’ meno conosciuti che sono riusciti a lasciare il segno in questa 44esima edizione delle World Series of Poker.

Italiani meno conosciuti ITM a Las Vegas

Fra questi Andrea Vezzani all’ottavo piazzamento In The Money alle World Series of Poker e al terzo in questa edizione delle WSOP 2013. A lui aggiungiamo Pierluigi Giglio, che ha passato il Day 1 dell’Event #20 in terza posizione. Un giocatore che forse non sarà conosciuto ai più, ma che nel corso di questo torneo è riuscito davvero a farsi notare. E c’è anche l’ottimo Marco Traniello, che sebbene in questa edizione non sia ancora riuscito a piazzare una bandierina ha una lista di ITM lunghissima qui a Las Vegas. Senza contare che ha vinto poco più di 700.000 dollari in carriera.

Grande attesa per Rocco Palumbo

Insomma, una grande edizione delle World Series of Poker quella di quest’anno. E lo dimostrano tutti i piazzamenti ottenuti dagli italiani su cui spicca il grande ritorno di Dario Minieri. E mentre la action ai tavoli prosegue e tante mani vengono scoppiate, aspettiamo ancora di vedere all’opera Rocco Palumbo che già si è distinto al WPT Championship 2013 concludendo nono. Un risultato che ci fa ben sperare per un braccialetto WSOP 2013. Soprattutto se alcuni dei nostri player sembrano davvero in stato di grazia.