Il poker torna nella televisione generalista

Poker e televisione si torna alla tv generalista

Negli ultimi tempi si è parlato dei nuovi format televisivi che sono apparsi nella televisione generalista. Un fatto sicuramente positivo che non può che alimentare in positivo il movimento del poker italiano. In questo articolo la nostra analisi sulle strategie e sulle conseguenze che tutto questo potrebbe avere nel lungo periodo.

Circa un mese fa in uno dei nostri articoli avevamo scritto di come il poker fosse uscito dalla nostra televisione generalista e di come in America i giocatori prendessero parte molto spesso a diverse trasmissioni. In Italia, infatti, la differenza rispetto agli Stati Uniti è abissale e mentre da noi si parla di una disciplina che appassiona soltanto una nicchia i player a stelle e strisce sono delle vere e proprie celebrità. Tuttavia, se consideriamo l’ultimo periodo, potremmo dire, almeno in piccola forma, di esserci sbagliati o quanto meno di non aver azzeccato in pieno la tempistica.

Arrivano Tutto sul Poker e la Casa degli Assi

La prova tangibile di quanto abbiamo affermato sta nel fatto che negli ultimi tempi hanno aperto i battenti in alcune televisioni generaliste alcune trasmissioni tematiche su questa disciplina. La prima di queste è “Tutto sol poker” con cadenza settimanale sulla Tv Dmax e l’altra, che per certi versi rappresenta la novità del momento, è La Casa degli Assi, reality show che partirà il 23 aprile su Italia 2. Una buona notizia, dunque, in un periodo certamente non felice per la nostra disciplina preferita che da un po’ di tempo a questa parte ha avuto come unico faro il canale tematico PokerItalia 24.

Tv generalista e canali tematici: alcune differenze

E un fattore decisamente positivo anche per la comunità pokeristica sotto diversi punti di vista. Infatti un canale come PokerItalia 24 per molti appassionati rappresenta certamente un vero e proprio oracolo, visto che trasmette Texas Hold’em 24 ore su 24, ma è sicuramente un’emittente che, a nostro avviso, viene ricercata soprattutto da chi conosce la materia in maniera approfondita. In altre parole l’utente medio, vuoi perché deve pagare l’abbonamento vuoi perché del linguaggio pokeristico capisce poco o niente, difficilmente apre la tv per connettersi ad un canale del genere.

Il pubblico della televisione generalista è più vario

Diversamente le emittenti generaliste richiamano un tipo di pubblico decisamente più vario. E probabilmente è questa la chiave (o una delle chiavi) per sopravvivere e soprattutto per entrare a pieno titolo nelle case degli italiani. Del resto non ci scordiamo che a fare la fortuna del poker ai tempi oro è stata soprattutto PokerMania, la trasmissione condotta da Luca Pagano e Ciccio Valenti. Riassumendo, dunque, potremmo dire che la gente ha conosciuto il Texas Hold'em su Italia 1, con un programma leggero ed accessibile, per poi approfondire attraverso un vero e proprio canale tematico.

Strategie nei confronti della televisione generalista

A questo aggiungiamo che La Casa degli Assi è un programma presentato da Pokerstars e Magnolia. Una ragione in più per credere che la strategia utilizzata dalla poker room dalla picca rossa per mantenere il suo dominio incontrastato in Italia sia proprio quella di utilizzare il piccolo schermo con dei programmi tematici messi in onda nella televisione generalista. Un segnale che si sta ricominciando ad investire nel mondo del Texas Hold’em? Difficile a dirsi, anche se alcuni format televisivi su questa disciplina hanno avuto un discreto successo all’estero.

Allargare lo zoccolo duro di giocatori italiani

Per il resto non è possibile al momento fare delle conclusioni e il momento pokeristico continua ad essere piuttosto difficile. La speranza è in una ripresa rapida e che i programmi che andranno in onda sulla televisione generalista aiutino la causa e ad accrescere un movimento che oggi più che mai ha bisogno di nuova linfa vitale. Del resto in Italia c’è un ottimo zoccolo duro ma parliamo pur sempre di una nicchia.