Dal Canada arriva Cepheus, il primo programma imbattibile di poker

Presentato un programma di poker imbattibile: Cepheus

Da una nota università del Canada arriva “Cepheus”, un algoritmo progettato dai ricercatori per giocare l’Heads Up di poker Texas Hold’em senza perdere mai. E’ un nuovo programma studiato attentamente da Michael Bowling e dal suo team. Ecco i dettagli.

Dall’Università di Alberta un programma d poker fenomenale

E’ stato presentato ufficialmente dall'Università di Alberta, in Canada, un programma di poker che non sbaglia mai, e che in caso lo facesse, imparerebbe immediatamente dai suoi errori. Grazie ad un vastissimo database in cui sono archiviate le mani di gioco che il programma non ha vinto, questo impara costantemente dai suoi errori ed evita di ricommetterli. Il risultato? Un “poker bot” (ossia un programma ideato per giocare a poker) che risulta imbattibile.

Si chiama Cepheus ed è ideato per l’Heads Up

Gli sviluppatori del Computer Poker Research Group hanno chiamato il loro programma “Cepheus”, e si tratta di un’innovazione nel campo dell'intelligenza artificiale, che permette ad un computer di padroneggiare la versione a due posti (Heads Up) del poker Texas Hold’em, lavorando attraverso tutte le possibilità ed effettuare la mossa perfetta ogni volta.

Il nome non è casuale: Cepheus è anche una costellazione dell’emisfero borale che contiene la stella Gamma Cephei, stella che diventerà la più luminosa della sua costellazione intorno all’anno 3.000 distinguendosi dalla stella Polaris. Polaris è anche il nome di un programma elaborato in precedenza presso l'Università di Alberta, che è stato il primo a sconfiggere i migliori giocatori di poker in “carne ed ossa”. Cepheus è dunque il successore naturale di Polaris: non solo capace di giocare contro i migliori giocatori “umani”, ma capace di giocare in modo sostanzialmente perfetto.

Cepheus è pronto per affrontare chiunque

Durante il suo sviluppo, Cepheus ha già affrontato un numero di mani di poker Texas Hold’em più grande di chiunque altro, un numero di mani maggiore a quello dei giocatori più esperti e più abili: proprio grazie a questo, il programma che arriva dalla California è pronto a vincere ben 24 mila miliardi di mani al secondo! Un lavoro tanto ingegnoso ha impiegato anni ed anni ad arrivare a risultati simili, ed è stato anche pubblicato sulla rivista Science. Di seguito vi proponiamo un’immagine di tre dei quattro ei ricercatori che hanno sviluppato il poker bot Cepheus: Michael Johanson, Michael Bowling, Neil Burch e Oskari Tammelin che non compare. Team università Alberta

I ricercatori chiedono ai Poker Pro di testare il programma

I ricercatori che hanno dato vita a Cepheus, hanno anche chiesto ai poker pro di testare il loro prodotto attraverso il poker online. Secondo Bowling, giocare contro Cepheus potrebbe far ricredere i pro su come giocare alcune mani e sulle mosse realmente giuste da effettuare.

Sulla questione si è espresso il giocatore professionista statunitense Ed Miller, autore di molti libri noti sul Texas Hold’em, che sta pensando di sfidare la macchina “perfetta” anche se, come ritiene egli stesso, non c’è modo di dominare le sue mosse e vincere un sacco di soldi. Certo è che Cepheus non vince il 100% delle mani di gioco, poiché stiamo parlando di una competizione dove anche la fortuna ha una sua rilevanza, tuttavia nell’arco di molte mani di gioco, la sua vittoria schiacciante su di un avversario “umano” è assicurata!

Il ricercatore dell'Università di Alberta Michael Johanson ha infatti dichiarato che “E’ stata calcolato una strategia perfetta per questo gioco, come ciascuna delle posizioni che si occupano nel gioco stesso”, e questo secondo il creatore del programma sarebbe una garanzia sull’esito di una partita con gli umani.