Arriva il Global Poker Masters lanciato dal GPI

Il Global Poker Index annuncia il Global Poker Masters

Sta per arrivare la “coppa del mondo” per il poker sportivo: a lanciarla è il Global Poker Index (GPI), il noto sito di ranking. Sarà il Global Poker Masters (GPM), aperto alle prime 9 nazioi in classifica, che schiereranno i 4 giocatori con il punteggio annuale piu alto.

Global Poker Masters, l’unione della comunità del poker live

Il Global Poker Masters si preannuncia come un grande torneo che unisce i migliori giocatori di poker live di tutto il pianeta! Basato ovviamente sui punti accumulati nel Global Poker Index nell’arco dei 12 mesi solari, consentirà ai primi 4 giocatori di competere in un evento davvero speciale, e di farlo in nome della loro nazione. Non sarà forse un’idea del tutto innovativa questa, ma un vero e proprio campionato di poker a “squadre nazionali” non è mai stato svolto in modo così organizzato e preparato come si farà col Global Poker Masters (GPM). L’annuncio del lancio di questo torneo è stato annunciato da Alex Dreyfus, CEO del Global Poker Index che vede nel poker live, un settore dove a breve si assisterà ad un altro boom.

Il GPM s’integrerà con i più grandi tornei del mondo

Il Global Poker Masters non sarà un evento “a se” come i più prestigiosi tornei quali il WPT, le WSOP, l’EPT, etc. Il Global Poker Masters li integrerà praticamente tutti, visto che in ognuno dei tanti eventi dei vari tour di poker live, i giocatori potranno conquistare bandierine e aumentare il loro punteggio per il Palyer Of The Year della propria nazione. Alla fine dunque, questo nuovo torneo incoronerà ogni anno, il miglior paese per i risultato nel poker sportivo.

Nel 2015 il lancio del 1° Global Poker Masters

Sempre dalle dichiarazioni riportate dal CEO del Global Poker Index, l’appuntamento con la primissima edizione di questo torneo è per l’anno 2015. C’è da dedurre quindi, che i giocatori con più punti nella classifica GPI 2014 della loro nazione, si ritroveranno tutti insieme l’anno prossimo su questi speciali tavoli verdi. Occhio dunque alle classifiche stilate dal noto sito di ranking (dove ci sono graduatorie proprio per ogni paese), perché alla conclusione di quest’anno solare, sapremo chi sarà chiamato a rappresentarci.

GPM: torneo a inviti da 10.000$ di buy-in e 100.000$ oltre il montepremi

Sarà un torneo ad inviti per i primi 4 players nella classifica GPI PoY della loro nazione, al quale parteciperanno le prime 9 nazioni in classifica. Ogni giocatore dovrà pagare il buy-in da 10.000$ senza nessuna fee, e concorrerà per un ricchissimo montepremi. Infatti oltre al totale generato dalle iscrizioni, il Global Poker Masters metterà in palio un montepremi di 100.000$ aggiunti. Ci saranno così un totale di 36 giocatori che genereranno un montepremi che, con i 100.000$ aggiunti, sarà di 460.000€.

Kanit, Dato, Sammartino e Buonanno nel Team italiano GPM?

Se per assurdo, dovessero essere considerati i primi 4 giocatori in classifica in questo momento nel GPI Palyer Of The Year azzurro, l’Italia vedrebbe schierati Mustapha Kanit, Andrea Dato, Dario Sammartino ed Antonio Buonanno. Si tratta di 4 validissimi giocatori che dall’inizio del 2014 ad oggi ci hanno regalato grandi emozioni, ma mancano ancora altri 6 mesi alla conclusione dell’anno e i nomi potrebbero cambiare. Non rimane quindi che attendere per vedere chi saranno i nostri rappresentanti nella competizione internazionale di poker live, e soprattutto per assistere allo svolgimento del primissimo Global Poker Masters della storia.